Il libro rosso della guerriglia poliamorista

Scritto da aliosha on . Postato in Opinioni

Per qualche motivo hai deciso — o, in realtà, ti hanno convinto — di provare questa cosa del poliamore. Forse è stato un articolo su Grazia, o su Playboy; o il fatto che la settimana scorsa ti hanno detto di uno che ha sentito di una che ha provato, e ha perso cinque chili in una settimana; forse è che in tivvù ci sono solo repliche, ma hai finalmente deciso che questo è il momento giusto per imbarcarti in una relazione di nonmonogamia consensuale.

Benvenuto o benvenuta.

Ovviamente, pensi che la cosa più banale da fare sia semplicemente di provare a caso, senza preparazione, senza chiedere a chi pratica, sostanzialmente decidendo che, se non bisogna essersi “fedeli”, allora si può fare tutto senza chiedere o negoziare, e tutto è lecito.
Perfetto: questo è in effetti un buon modo per fare fallire tutto l’ambaradan, dimostrarsi che “lo sapevo io che non poteva funzionare” e, se possibile, fare male al maggior numero di persone possibili.
Ma attenzione: nonostante tutto, l’esperimento potrebbe invece riuscire. Potrebbe darsi che il tuo attuale partner, e quelli con cui sia tu che lui o lei finirete nei prossimi tempi, siano naturalmente adatti a questo stile di vita, comprensivi, illuminati e quant’altro, e che tutto scorra liscio come l’olio.

Se VERAMENTE vuoi provare il poliamore e dimostrarti senza ombra di dubbio che non funziona, non può funzionare, lo so perché ho provato, è necessario studiare con attenzione i possibili errori, e ripeterli con attenzione.

Nota Bene: tutti i seguenti comportamenti sono stati testati dall’autore, o l’autore li ha visti sperimentare da vicino da conoscenti, amici e amanti, e l’autore può confermare che, nella stragrande maggioranza dei casi, sono letali, in grado di distruggere qualunque relazione poliamorista in breve tempo.
Ma non è detto che funzionino sempre a colpo sicuro: la tua relazione potrebbe essere particolarmente testarda, robusta, resistente, le tue compagne particolarmente tolleranti e bene intenzionate, o semplicemente potresti avere sfiga. Non disperare: persevera, aumenta il numero di comportamenti di sabotaggio, e vedrai che in breve tempo anche tu potrai dichiarare “ho provato il poliamore e so che non funziona“.

I seguenti accorgimenti non sono in ordine di importanza, e sono a tratti contraddittori. Questo non vuol dire che non possano essere applicati tutti, soprattutto utilizzando la regola 5.

Nota Bene II: i generi sono utilizzati a caso.

1 – Non stabilire regole e limiti di comportamento espliciti, e appena qualcosa non ti piace, accusa la tua compagna di avere infranto una chiara regola che nessuno dotato di buon senso avrebbe potuto ignorare.
Se protesta, accusala implicitamente che se non sa leggerti nel pensiero, non ti ama.

1b – Se a questo punto ti promette che la prossima volta si comporterà in modo diverso, perché ora sa cosa ti fa male:
– Fa’ finta di crederci, ma ogni volta mostrati sospettoso
oppure
– dichiara che ormai le cose si sono rovinate e non ti potrai fidare mai più.

1c – Per i virtuosi: dichiara che forse accetti il fatto che la prossima volta il comportamento sarà diverso, e che forse puoi fidarti.
Alla prima opportunità, comportati esattamente nello stesso modo.
Se la tua compagna te lo fa notare, dichiara che “tanto lei ha fatto lo stesso”.

2 – In caso non siano state stabilite regole esplicite, cogli l’occasione per trattare il tuo compagno principale come nemmeno l’ultimo dei conoscenti, cancella appuntamenti presi da tempo se qualcuno di appena conosciuto propone qualcosa, arriva in ritardo, non farti trovare.

3 – Stabilisci chiari limiti, e poi ignorali. Soprattutto se si tratta di avvertire se non torni a casa, se ritardi la notte, se finisci per fare sesso non protetto, o qualcosa che avevi promesso di non fare, o di mantenere esclusivo.
Soprattutto se sai che è qualcosa a cui l’altra persona tiene particolarmente.
Dopo tutto, chi non adora prendersi una malattia venerea di seconda mano, trovare il barattolo della marmellata di mirtilli della Siberia fatta a mano dalla bisnonna in punto di morte aperto e finito a metà perché non avevi nulla con cui fare lo spuntino di mezzanotte con il tuo nuovo amico, o aspettare fino alle 3 di mattina perché dovevate vedervi alle 9 di sera ma ti sei distratto?

4 – In caso vi siate promessi di raccontarvi quello che succede con altri, dimenticati di farlo, sii vago. Nega di aver fatto qualcosa, aspetta che la tua compagna lo scopra da qualcun altro (punti bonus se da un amante, punti bonus con il carpiato multiplo se da un altro amante che è stato coinvolto in una cosa a tre, credendo che tu lo sapessi), poi dichiara che quella cosa non conta, non era sesso davvero, tanto non ti è piaciuto, eravate in piedi, e perché comunque non si è fidato di te?
Falla sentire in colpa se ti chiede lumi su di una bugia o una mezza verità: se non si fida di te, allora non ti ama, giusto?

4b – Per solutori più che abili: cerca di infilare la seguente frase nella discussione:
Dillo, che ti piace in realtà controllare le persone, non è la libertà che ti piace“.

5 – Stabilito un codice di comportamento, un giorno interpretalo in un modo, il giorno successivo in un modo completamente diverso. Quando ti viene fatto notare, dichiara che il tuo compagno sta facendo il notaio e il pignolo.

6 – Scegliti sempre delle nuove amanti che non sappiano nulla di poliamore, e che in realtà ti vogliono solo per loro. Lascia intravvedere la possibilità che sì, potresti stare con loro in esclusiva. Fa sapere alla tua compagna principale che esci con queste persone che vorrebbero che lei non esistesse, le farà particolarmente piacere e la farà sentire sicura e accettata.
I solutori più che abili potrebbero scegliere come candidata perfetta la ex scaricata per l’attuale compagna con cui si sta in relazione poli: funziona sempre.

7 – Lascia intravvedere che sei poli solo perché in realtà lui non è abbastanza per te. Se fosse davvero uomo, se fosse davvero la persona giusta, non avresti bisogno di nessun altro, e comunque lui te lo impedirebbe se fosse davvero un uomo.
Accusalo di come tu ti comporti, e fagli capire che è una sua mancanza.

7b – Accenna che il nuovo amante, di cui sei cottissima, “lui sì che è un vero uomo e mi fa sentire donna” (o “vera donna e mi fa sentire uomo”, o “vero omino verde che mi fa sentire davvero un altro vero omino verde”).

8 – Rendi chiaro che sei poli fino a che non trovi qualcuno di giusto, sostanzialmente stai sondando il terreno. Nulla rende sicuri delle proprie relazioni come sapere che il proprio partner sta facendo shopping comparativo per trovare qualcuno di meglio.

9 – Sii estremamente geloso, ma senza dichiararlo, perché sei poli, ovviamente. Chiedi di venire aggiornato su quello che succede, dichiara di essere felice se lei conosce qualcuno di interessante, e si diverte. Poi, al momento in cui succede, sii ferito, mogio, ma non esplicitare. Sei poli, sta a lei capire che ti ha ferito.
Sta a lei non fare quello che le hai detto che può fare.
Se fosse attenta a te, capirebbe.

10 – Evita di fare incontrare i tuoi compagni, lascia sempre capire che con un altro succedono cose spaziali, è sempre una festa. Non accennare mai a dei problemi, ed evita di menzionare qualunque cosa in cui tu preferisci la persona con cui stai parlando.

10b – Punti bonus se riesci a uscire con un atleta olimpico, attore di Hollywood, premio Nobel.

10c – Ulteriori punti bonus se semplicemente fingi che si tratti di un atleta olimpico, attore di Hollywood, premio Nobel.

11 – Fa’ crollare il desiderio sessuale, e quando ti viene chiesto cosa è successo, spiega che l’altra ti fa sentire davvero uomo (o donna, o formichiere, o ferro da stiro), e che con l’altra persona funziona meglio, o semplicemente “funziona”.
Ovviamente non puoi spiegarlo o insegnarlo: se lei fosse abbastanza donna, ti farebbe sentire abbastanza uomo (donna/formichiere/ferro da stiro).
Se ti viene chiesto di spiegare cosa funziona, e come imitarlo, dichiara che “non sono cose che si possono imparare“, e anche “se mi capissi, lo faresti“.
Cosa?
Non si può spiegare. Lui/lei sì invece che…“.

12 – Scegli sempre momenti di crisi, di scarsa autostima del tuo compagno, di dubbi relazionali, per trovare nuovi amanti e passare moltissimo tempo con loro. Accenna spesso al fatto che con loro sì che le cose funzionano bene, non come con lui.
Se il tuo compagno ti fa notare che è solo all’inizio, che anche tra voi all’inizio era tutto un idillio, che ovviamente dopo quindici anni avete un po’ di casini arretrati, ignora l’obiezione:
con gli altri è chiaramente diverso.

13 – Lamentati spesso di tutti i modi in cui un’amante non è l’altra. Evita assolutamente di goderti il fatto che si complementano, rinfaccia a ognuna quello che ti piace nell’altra.

14 – Scegliti tutti amanti identici, con la regola che con quello nuovo passi più tempo. Lascia che si chiedano cosa possa renderli speciali, e lascia intuire che no, non lo sono, sono amante dai capelli lunghi num. 2 e 4.

15 – Prometti di tornare a casa per l’una di notte, non farti trovare al cellulare e non avvertire fino alle 4 di mattina. Funziona meglio se la tua compagna deve alzarsi presto, o è a casa malata.

16 – Ripeti più volte, e a più persone, che se lui non è geloso, non ti senti davvero amata.

16b – Trovati un amante davvero geloso, che vorrebbe essere l’unico.

16c – Se ce la fai, tradisci il secondo con il primo.

17 – Dichiara che certo che lei può fare quello che vuole, è libera, è una relazione aperta. Assumi un atteggiamento da cane bastonato e martire, ma non dire nulla di quello che non vuoi.

18 – Sii il più passivo aggressivo possibile.

18b – Ma negalo, perché, in quanto poli, sei un drago della comunicazione.

18c – Se ti viene fatto notare che sei passivo aggressivo, dichiara che è l’altro ad esserlo di più.

19 – Parla per assoluti, e incazzati se vieni presa sul serio. Dichiara che non vuoi mai più fare sesso con X, perché hai litigato con lui, e quando, due giorni dopo, finisci a fare sesso con X senza avvertire che sono cambiati i piani, esclama che è ovvio che non lo intendevi seriamente, nessuno ti dovrebbe prendere sul serio quando dici cose del genere, è ovvio che esageri.
Poi incazzati a morte quando non vieni presa sul serio: come fa ad amarti se non ti ascolta?

20 – Nel complesso: identifica semplicemente la cosa che spaventa di più nella persona con cui hai una relazione.
Falla. Se non basta, rifalla. Nel momento in cui quella persona si lamenta o si mostra ferita, dichiara che ormai la stai facendo perché se la è cercata, perché si lamenta.
Esempio: “Ti escludiamo perché ti sei sentita esclusa, e ce lo hai fatto notare: ora hai rovinato tutto. Fino a prima che ti lamentassi, ti amavamo tanto e volevamo tanto includerti. Ma ora no: ti escludiamo“.
Ogni variazione sul tema è bene accetta. Punti bonus per livelli ulteriori di ricorsione.

Ovviamente, questo è solo un antipasto: i modi per sabotare le relazioni poliamorose sono tanti quanti le relazioni stesse.
In bocca al lupo nel trovare il tuo: se davvero vuoi che le cose vadano in vacca, sappi che è possibile.

Abbi fiducia e persevera.

__________________________________________________________________

Aliosha ha anni di esperienza nel creare e sperimentare casini relazionali. Se un esperto è qualcuno che ha fatto tutti gli errori possibili ed ha imparato dalle conseguenze, è un esperto relazionale.

Trackback dal tuo sito.